Categorie
Scrittura efficace online

8 strumenti online per verificare le fonti

Chi scrive per il web ha sempre bisogno dei migliori tool per la verifica delle fonti online. Il motivo è semplice: il rischio di incappare in una fake news e rilanciare una notizia falsa è reale. Il principio base è sempre lo stesso: fare affidamento alla fonte ufficiale, al comunicato stampa dell’organo di riferimento.

Ma se non è possibile? Il debugging funziona, dipende sempre come lo fai e con quali strumenti. Ecco perché oggi abbiamo deciso di raccogliere software antiplagio, programmi e app per verificare notizie, tool indispensabili per chi vuole fare un web journalism sempre affidabile. Per il bene del buon nome e del pubblico.

Google Image

Grazie al reverse search, il motore di ricerca più famoso del web offre uno dei tool per verifica fonti più potenti del web. Come funziona? Semplice, vai su Google Image, seleziona l’icona della macchina fotografica e carica lo scatto che vuoi analizzare.

Questo strumento ti consente di capire se la foto è stata già usata altrove. In modo da scoprire eventuali fake news che usano immagini in modo decontestualizzato.

Da leggere: differenza tra comunicato stampa e articolo

TinEye

Anche questo e un motore di ricerca che fa reverse search per scoprire dettagli in più su una foto utilizzata da chi sostiene di avere una fonte di prima mano a disposizione.

Come funziona TinEye? Trascini la foto nel campo di ricerca e trovi tutte le pagine web che hanno usato quel visual.

WayBack Machine

Il portale Archive.org conserva versioni datate del tuo sito web. Anzi, di ogni portale. Così puoi verificare se una determinata fonte ha cambiato pelle negli ultimi mesi, se è una testata che da anni si dedica a quel tema o se ha cambiato veste recentemente.

Twitteraudit

Vuoi scoprire se le persone che pubblicano determinati tweet hanno un seguito reale? Analizza l’account con Twitteraudit, questo strumento consente di avere una panoramica chiara rispetto alle percentuali di follower fake di ogni profilo.

OneMillionTweetMap

Scopri sulla mappa interattiva dove vengono usati i tweet con determinati hashtag. Quando vuoi fare verifiche incrociate per scoprire dove si affrontano determinati argomenti nel globo e con quale sentiment puoi usare onemilliontweetmap.com.

Cache di Google

Vuoi vedere com’era una pagina prima di una modifica recente o una rettifica fatta all’ultimo momento? Puoi usare la cache di Google che ti riporta indietro di un tempo più o meno ridotto.

Dipende dall’ultima volta che è stata scansionata dal motore di ricerca. Il processo è semplice: cerca su Google la pagina che ti interessa e clicca sulla freccia che appare vicino allo snippet. Seleziona l’opzione cache e torna indietro nel tempo.

CopyScape

Copyscape è perfetto per individuare testi duplicati e scoprire eventuali fonti che, in realtà, non fanno altro che giocare con il copia/incolla. Può essere utilizzato anche per evitare copioni di articoli e limitare i furti di contenuti.

Vesselfinder

Un tool fondamentale e gratuito per verificare notizie relative a trasporti e navi in movimento in ogni specchio d’acqua.

Ad esempio, quando si affronta il tema dei migranti o quello dei trasporti: attraverso questo strumento di verifica puoi certificare la presenza di una nave in una posizione o il suo tragitto.

Categorie
SEO Journalism

4 tool SEO per scrivere meglio online

I miglio SEO tool per copywriter sono quelli che ti consentono di capire cosa vogliono gli utenti e non solo di avere i dati relativi a volume di ricerca o costo per click. Ben inteso, questi dati sono importanti ma non sono sufficienti.

Categorie
SEO Journalism

Come ottimizzare le immagini per il web

Una delle principali preoccupazioni per articolisti, blogger e web journalist: come ottimizzare le immagini per il web? Ci sono una serie di regole importanti da rispettare che riguardano sia l’ottimizzazione SEO che l’user experience di un sito.

Categorie
Scrittura efficace online

Come posso terminare un articolo?

Questa è una delle preoccupazioni tipiche dei web writer e dei giornalisti che vogliono sfruttare al massimo la forza di un contenuto online: come chiudere un articolo sul web? Le opzioni sono diverse e tutte valide.

Categorie
Scrittura efficace online

Come mettere i tag nei tuoi articoli?

Semplice, con il buon senso. Devi inserire queste etichette per organizzare i contenuti del blog o del giornale online in modo da rendere gli articoli facili da trovare. Per capire meglio come usare i tag nel blog propongo di procedere per domande e risposte.

Categorie
Scrittura efficace online

Scrivere male sul web: quali sono i rischi?

Inizio dal rischio più evidente: scrivere male sul web vuol dire non raggiungere l’obiettivo sperato. Questo può essere un passaggio casuale, dettato dall’inesperienza, o volontario. Ovviamente quest’ultima condizione è piuttosto grave perché presuppone malafede. Ma non è neanche un’opzione difficile da osservare, soprattutto in tempi incerti come quelli in cui viviamo.

Categorie
SEO Journalism

Qual è la differenza tra tag title e H1?

Per capire qual è la differenza tra tag title e H1 non bisogna essere esperti SEO, basta avere conoscenza dell’anatomia di una pagina web. Andiamo per ordine, di cosa parliamo?

Categorie
Scrittura giornalistica

Come iniziare un articolo di giornale online

Il modo migliore per iniziare un articolo di giornale da pubblicare su un sito web? Semplice, dai subito tutte le informazioni per far capire a chi legge qual è il motivo per cui si dovrebbe continuare con la lettura.

Categorie
Scrittura giornalistica

Come citare le fonti online

Capire come citare le fonti online, sul blog o su una pagina web, è fondamentale. Perché in questo modo puoi creare un contenuto valido e corretto. Nei confronti del lettore e di chi ti ha aiutato a raggiungere il tuo obiettivo su internet.

Categorie
SEO Journalism

Qual è la differenza tra comunicato stampa e articolo?

Questo è uno dei dubbi principali per chi inizia a lavorare nel mondo della comunicazione: qual è la differenza tra comunicato stampa e articolo? Lo dico subito: il primo viene usato per informare, con un unico documento, tutti i giornalisti che dovranno scrivere contenuti su una notizia.